VillaLiterno.net
dalla Campania Napoli Calcio Sport

Armando Izzo dai campi di periferia alla serie A

Armando Izzo si racconta a Sportweek

“Giocavo nella Scuola Calcio Arci Scampia”

Quando mio padre morì e non potevamo più permetterci di pagare la retta mensile, il presidente Antonio  Piccolo telefonò a mamma: “Continua a mandarmi Armando, rimane con noi gratis”.

«Sono napoletano di Scampia, il quartiere delle Vele.
Mio padre si chiamava Vincenzo, faceva il magliaro, il venditore ambulante di biancheria e stoffe: un giorno andava a Roma, un altro a Firenze, un altro ancora a Milano.
Quando tornava lo aspettavo in strada, perché ogni volta sapevo che mi avrebbe portato un pallone. Non lo lasciavo neanche salire in casa che ci mettevamo a giocare: lui in porta, io e i miei amici divisi in due squadre. Un giorno torna a casa e dice: “Mi tirano le gambe, mi tirano le gambe”. Gli facevano male, quasi non le sentiva. Va in ospedale, lo ricoverano subito. Dicono che è colpa dei denti, poi delle gambe stesse. Intanto i globuli bianchi si mangiano i rossi; una ragazza del mio quartiere inizia a donargli il sangue, e io mi chiedo perché. Mi mandano a dormire a casa di mia zia spiegandomi che mamma deve stare in ospedale con papà. Quando ormai era alla fine, portano me e i miei fratelli all’ospedale: papà, disteso nel letto, ha un colorito verdastro. I miei fratelli gli si buttano addosso, io rimango sulla porta, impietrito. Con la mano mi fa cenno di avvicinarmi. Mi abbraccia e dice: “Mi raccomando, pensaci tu a loro”. Non piansi: io non piango mai davanti agli altri. Oggi mio padre lo porto tatuato sulla pelle.

Lui era fissato con me ed il calcio. La gente gli diceva: Vincè, hai altri tre figli, devi seguire pure loro; e lui rispondeva: in Armando io vedo qualcosa. Dopo la sua morte, avvenuta che aveva 29 anni, mia madre Giovanna mi raccontò di averlo sognato: “Aveva due ali grandi e mi ha detto: stai tranquilla, diventa calciatore”. Papà l’ha lasciata che aveva 27 anni: dopo altri undici, ha trovato un compagno e messo al mondo una femmina. Sono contento, meritava di rifarsi una vita.
Fino a quattro anni fa viveva ancora nella vecchia casa popolare di Scampia. Alla mia famiglia ho provveduto grazie ad un mio zio che aveva una salumeria nel quartiere e mi dava 120 euro a settimana per portare le confezioni d’acqua nelle case. All’inizio ci aiutò tanto mio nonno paterno.
Dopo un po’ mia mamma cominciò a lavorare, 6 euro all’ora per fare le pulizie negli appartamenti.
La sera portava a casa 50/60 euro e ci mettevamo tutti insieme a contarli sul letto, felici.

Giocavo nella Scuola Calcio di Scampia.
Quando mio padre morì e non potevamo più permetterci di pagare la retta mensile, il presidente Antonino Piccolo telefonò a mamma: “Continua a mandarmi Armando, rimane con noi gratis”.

Giuseppe Santoro, che all’epoca era responsabile del settore giovanile del Napoli e oggi ho ritrovato al Torino, mi vide e iniziò a seguirmi. Avevo 12 anni quando mi portò al Napoli. A 15 dissi basta: dovevo lavorare per mantenere la famiglia, il Napoli non mi dava un soldo, non c’era nessuno che mi accompagnasse e riportasse a casa dagli allenamenti. Avevo deciso dismettere col calcio.

Fu ancora Santoro a intervenire: mi procurò qualche rimborso spese, mi faceva venire a prendere dai suoi collaboratori per andare al campo…

A luglio 2010 l’incontro che mi cambia la vita: insieme ad altri ragazzi della Primavera vengo aggregato alla prima squadra per il ritiro estivo e conosco Mazzarri; un giorno mi chiama e dice: “Il preparatore mi ha detto che non hai corso insieme agli altri. Perché?” “Non ho le scarpe da ginnastica”. Lui apre il portafogli e dice a uno dello staff: “Vagliele a comprare”. Mazzarri è uno che per i suoi giocatori è disposto a morire. Se gli dai quello che vuole, ti fa stare da dio. È una persona umana.»

Related posts

“Solo un prete” giunge a Roma: 28 novembre presentazione in Palazzo Montecitorio

admin

MISTER DIANA, CAMPIONATO EQUILIBRATO GUAI AD ABBASSARE LA GUARDIA

admin

Commemorazione dei Caduti in guerra.

admin

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi